forse mi trovo... forse non sono nemmeno (troppo) lontana da me. - Alice Nember
769
post-template-default,single,single-post,postid-769,single-format-standard,bridge-core-1.0.6,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

forse mi trovo… forse non sono nemmeno (troppo) lontana da me.

Mi sono dimenticata che amavo scrivere.

Non so esattamente come e quando sia successo, ma non mi sono più ricordata che quando avevo bisogno di schiarirmi le idee, e di trovare il bandolo della matassa, io scrivevo.

Oggi pomeriggio, mentre passeggiavo con la testa nel nulla, invece me lo sono ricordata.

Mi è venuta in mente la sensazione di “riuscita“, di quando finisci un pezzo che hai in mente; quella sorta di beatitudine nel vedere nero su bianco i tuoi pensieri impressi; quel benessere di chi trova posto per se, anche fuori di se…

Se vivessi in una delle commedie hollywoodiane che tanto amo, questo momento sarebbe stato sancito da un sorriso radioso, mentre un vecchio pezzo femminile e femminista, tipo “I’m every woman” di Whitney, avrebbe risuonato a tutto campo, nell’esatto secondo in cui, io iniziavo una corsa a perdifiato, per arrivare a casa a raccontare il momento.

Nessun regista è stato maltrattato per dar vita a questa mia pindarica fantasia, ma alla fine a casa a scrivere ci sono venuta davvero…

Ora, vuoi la disabitudine al ticchettio delle mie dita sulla tastiera; vuoi che avrei talmente tante cose da dire, che nessuna mi sembra in realtà meritevole di compimento; vuoi che se ho smesso, forse forse una ragione c’è, ed è forse perché mi sono resa conto che il sogno doveva rimanere ancora nel cassetto; vuoi che una volta tanto sono io quella senza parole punto e basta… ma davvero non so come andare avanti!

E allora, non posso fare a meno di chiedermi: ma perché mi ero dimenticata che amo scrivere?

Perché proprio nei periodi durante i quali ci smarriamo, le prime cose che abbandoniamo sono sempre quelle che ci fanno stare bene?

Perché proseguiamo nel tran tran che ci appesantisce, ma non ci alleggeriamo facendo le cose che sono più utili al nostro benessere?

Perché non siamo mai abbastanza capaci e caparbi nel volerci bene?

 

Le ho le risposte, e le svilupperò proprio scrivendo, a prescindere dal fatto che ci sia qualcuno o meno che abbia voglia di leggerle!

…e sapete cosa, cazzo, questo è il più regalo che oggi, 06 aprile 2022, potessi farmi!