sul mio procrastinare - Alice Nember
581
post-template-default,single,single-post,postid-581,single-format-standard,bridge-core-1.0.6,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

sul mio procrastinare

E’ un altro mese sospeso.

Sospiri, ritardi, rimandi, posticipi, domani.
Sapere che non “andrà tutto bene”, ma non avere la forza di non sperare che qualcosa si muova quando adesso è tutto fermo.
“Poi”, “Domani”, “Presto”, “Quando si potrà”, “tra un po’ “
Quanto è strana l’attesa.
Non la puoi toccare, e lei non tocca te, eppure ci sono poche altre cose capaci di darti altrettanto disagio, di alterare le tue percezioni, e di far esplodere le tue paure, al suo pari.
Mi adagio sugli allori.
tendo a fermarmi, a mettermi in pausa.
E vorrei dire che è tutta colpa di pandemia e lockdown, ma la realtà è che sono alibi.
Alibi solidi e ragionevoli, ma comunque alibi.
Procrastinare, è da sempre un’azione non-azione, che mi riesce con talento, anzi oserei dire che, in questo, sono da cintura nera, livello PRO!
T U T T A V I A, essendo io impegnata nel delicato compito di migliorare me stessa, qualche settimana fa, ho deciso che avrei dovuto smettere tutti quegli atteggiamenti che mi auto-sabotavano… incluso il procrastinare!
Non è semplice pigrizia la mia, no, a quella non sono particolarmente dedita, la mia è proprio una propensione verso il “lo farò”.
…puntini di sospensione sul “quando”
E questa cosa, nei miei 35 anni e tre quarti, di vita, mi sono accorta non aver portato grosso beneficio, quindi ho deciso per un cambio rotta.
Ora, tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare, in cui a procrastinare ci posso sguazzare, eppure mi sono ritrovata più risoluta del solito, complice la voglia di andare in netto contrasto con il piattume pandemico.
Armata, quindi, di tante buone intenzioni, ho scelto la Rinascita per eccellenza, Pasqua, per smettere un comportamento in me, non solo insito, ma anche radicato in modo pazzesco.
Ce la farò?
Non ce la farò?
Cadrò miserabilmente vittima del mio pressapochismo cosmico?
Mi riscatterò in poco tempo di tanti anni?
Intanto mi, e vi, chiedo… ma dovrò organizzare il NON PROCRASTINAMENTO, o sarà una cosa spontanea e nature?
Forzo la mano, o lascio che la volontà faccia il suo corso?