io come Frida... parole traslate - Alice Nember
545
post-template-default,single,single-post,postid-545,single-format-standard,bridge-core-1.0.6,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
Frida

io come Frida… parole traslate

Ti meriti un amore che ti voglia
spettinata, con tutto e le ragioni che ti fanno
alzare in fretta, con tutto e i demoni che non ti lasciano dormire.
Ti meriti un amore che ti faccia
sentire sicura, in grado di mangiarsi il mondo
quando cammina accanto a te, che senta che i tuoi abbracci sono perfetti per la sua pelle.
Ti meriti un amore che voglia ballare
con te, che trovi il paradiso ogni volta che
guarda nei tuoi occhi, che non si annoi mai di leggere le
tue espressioni.
Ti meriti un amore che ti ascolti
quando canti, che ti appoggi quando fai la ridicola,
che rispetti il tuo essere libera, che ti accompagni nel tuo volo,
che non abbia paura di cadere.
Ti meriti un amore che ti spazzi via le
bugie che ti porti il sogno, il caffè
e la poesia.

Frida Kahlo

 

Questa stupenda poesia la dice lunga.
Perché la Frida era una femmina molto femmina, di quelle che in un’epoca lontana dal politically correct, l’avremmo definita con le palle; ed io la stimo a tal punto, da essermela tatuata sulla pelle.

Lei, amazzone sudamericana dalla bellezza singolare, con quella creatività lontana dagli stereotipi, moderni e del periodo; con la sua capacità di rinascita, che oggi chiameremmo resilienza, ma che è sostanzialmente una sfrontata imperturbabilità nel credersi (ovvero, nel credere in se stessa); e con quell’infinita capacità di amare senza riserve, lontana dai generi e dai prototipi, che rifletteva non solo in quadri che non si comprendono se non ci si apre all’assurdo, ma anche nelle sue parole, poetica che si sopraeleva al dizionario conosciuto.

Aggiungere parole alle sue, cambiarle, alterare l’essenza del suo messaggio, sarebbe una follia da folli, che mi turba anche solo quando traslata alle foto chiappe al vento di ragazzine che non ne conoscono l’intimismo.

Tuttavia una folle che ci prova c’è, e sono io!
Con la certezza di ironia e poco altro, decido ora e qua, di  traslare questa poesia nel 2.0.
Con buona pace della mia imperitura Kahlo che, ovunque essa sia, spero mi possa perdonare…

 

Ti meriti un amore che ti avvisi quando è il caso di farti il colore e che si accorga quando cambi taglio di capelli; e che ti dica che a quel matrimonio ci sarà quella Gran Stronza della Sua Ex
…così potrai apparecchiarti come al Festival del Cinema di Venezia, e fare ombra pure alla sposa!

Ti meriti un amore che ti chieda dove vai, che sia felice perché vai a berti un gin Lemon con le tue amiche, che sorrida di fronte alle Instagram Stories, e che ti scriva un messaggio sconcio che ti faccia venir voglia di tornare a casa da lui; lui che non gli prende l’incazzatura cattiva se ti arriva un messaggio in direct, ma che sia orgoglioso che ogni giorno tu scegli di dividere il tuo splendore standogli al fianco.

Ti meriti un amore che non ti dia per scontata, che ti porti a cena tu e lui da soli, che ti faccia sorprese senza una ragione e regali solo per amore; che sappia farti sentire bellissima sempre, anche quando non hai fatto la ceretta; e che non si stanchi delle tue paranoie, anche quando sono cazzate vere, ma ti aiuti a sminuire, dandogli la giusta non importanza.

Ti meriti un amore che sappia interpretare i tuoi silenzi e che pretenda le tue parole, un amore che non sia logico ma folle e che si nutra di esterno, non solo di sentimento; che sappia giocare e ridere, tanto quanto concretizzare e progettare, ti meriti un amore che abbia il sapore di domani con i piedi nell’oggi.

Ti meriti un amore che non sia perfetto perché è come te lo aspettavi, ma perché a dispetti del fatto che sia così differente, un amore che anche quando non ti tiene la mano, non ti lascia cadere, che c’è quando serve, e non quando puoi benissimo farcela da sola, al netto dei capricci. 

Ti meriti un amore che ti abbronzi, perché abbronzata sei più bella; che ti accarezzi le guance e ti guardi negli occhi; ti meriti un amore che ti porti su e non ti lasci cadere.

Alice Nember